OFFERTA SPECIALE : Buono omaggio pari al 10 % dell’importo del soggiorno saldato entro il 31/12/2017
da utilizzare per i trattamenti in Talassoterapia o per il Wi-Fi o per bibite e gelati al bar (pasti esclusi)!

Ecoturismo in Francia, la protezione dei paesaggi corsi

Riva Bella Naturismo privilegia l'ecoturismo e il turismo responsabile in Francia, proteggendo così i suoi paesaggi naturali...

La protezione e la tutela dei paesaggi naturali è una delle priorità di Riva Bella Naturista

La protezione degli eccezionali spazi naturali presenti all'interno del complesso di Riva Bella, in Corsica (la duna, la spiaggia, la macchia, lo stagno salato, le specie selvagge, la flora endemica, ecc.), necessita un investimento costante. Il complesso di Riva Bella è attivamente coinvolto nella tutela e la protezione di siti naturali, ad esempio partecipando alla cogestione dello stagno di Terrenzana in collaborazione con il Conservatorio del Litorale di Francia in Corsica (in francese Conservatoire du Littoral de France en Corse). Lo scopo è quello di limitare l'impatto delle attività turistiche privilegiando il turismo responsabile; sensibilizzare l'opinione pubblica sulla problematica dell'ecoturismo in Francia e sulla biodiversità degli spazi naturali del complesso; organizzare delle campagne di restauro e di ricostruzione delle dune.

La duna, la spiaggia, la macchia e lo stagno salato formano un mosaico di paesaggi e di ecosistemi da scoprire!

Il complesso di Riva Bella è circondato a sud dallo stagno salato di Terrenzana, a nord dal residence, gli alloggi naturisti, il campeggio e le infrastrutture all'interno della macchia, ad ovest da una vasta distesa di natura selvaggia e ad est dalla spiaggia, bagnata dal mar Mediterraneo

Il complesso di Riva Bella è circondato a sud dallo stagno salato di Terrenzana
Il complesso di Riva Bella è circondato a sud dallo stagno salato di Terrenzana

Lo stagno salato di Terrenzana

Lo stagno di Terrenzana è uno stagno salato, ragione per cui non attira le colonie di zanzare. Al contrario, la presenza di gechi e di numerosi anfibi che se ne nutrono ha come effetto di allontanarle.

Lo stagno, che comunica con il mare in alcuni punti, costituisce un habitat importante per le specie selvagge. Esso è rimasto uno spazio naturale, protetto dal forte inquinamento. La vegetazione e la fauna che lo popolano richiamano i paesaggi naturali dell'era premoderna.

Tipica dei paesaggi corsi e del Sud della Francia, essa accoglie varie specie vegetali...
Tipica dei paesaggi corsi e del Sud della Francia, essa accoglie varie specie vegetali

La macchia mediterranea corsa

La macchia mediterranea è una formazione vegetale arbustiva, più bassa di una foresta, molto folta, costituita prevalentemente da piante resistenti alla siccità. Tipica dei paesaggi corsi e del Sud della Francia, essa accoglie varie specie vegetali (arbutus unedo, myrtus communis, cistus, erica arborea, quercus ilex, pistacia lentiscus, ecc.).

Sul litorale e sui pendii più caldi, coabitano le specie della macchia mediterranea, della gariga (helichrysum, lavandula, rosmarinus, thymus, ecc.) e la flora esotica (opuntia ficus-indica, agave americana, aloe, eucalyptus globulus, citrus medica, ecc.).

Tra cui il juniperus oxycedrus, endemico della Corsica, che cresce nella sabbia...
Tra cui il juniperus oxycedrus, endemico della Corsica, che cresce nella sabbia

La duna

La duna accoglie una vegetazione ricca e variegata (lotus cytisoides, anthemis maritima, crucianella maritima, medicago marina, sporobolus pungens, otanthus maritimus, ecc.), tra cui il juniperus oxycedrus, endemico della Corsica, che cresce nella sabbia.

È importante prendersi cura di tali specie endemiche e selvagge ed evitare di calpestarle o di estirparle, poiché permettono di combattere l'erosione del terreno.

La duna accoglie una vegetazione ricca e variegata...
La duna accoglie una vegetazione ricca e variegata

La ricostruzione delle dune

Grazie ai consigli del Conservatorio Botanico Nazionale di Francia in Corsica (in francese Conservatoire Botanique National de France en Corse), stiamo conducendo un'azione di restauro e di ricostruzione delle dune per lottare contro l'erosione

Dinanzi all'invasione del sito naturale da parte di varie specie esogene, la nostra azione è suddivisa in due iniziative:
1. eliminare le specie invasive;
2. restaurare la flora regionale, perfettamente adattata, per conservare la duna e ridurre gli effetti dell'erosione.

Per partecipare a questa azione, troverete di seguito alcuni comportamenti utili da adottare e una presentazione delle specie presenti sul sito naturale (specie invasive e da ripiantare).

Le specie invasive

Il carpobrotus edulis è una pianta grassa strisciante, con foglie carnose, intrise di acqua, a sezione triangolare e a forma di artiglio. Introdotta sul litorale mediterraneo per i suoi bei fiori viola e per la sua grande resistenza, si è adattata talmente bene che rappresenta oggi una vera e propria minaccia per la biodiversità e gli ecosistemi fragili locali.

Praticamente indistruttibile, il carpobrotus edulis resiste perfettamente alla siccità ed agli schizzi. Cresce nei terreni poveri, dove si riproduce rapidamente dando vita a folti tappeti e minacciando così la sopravvivenza delle altre specie vegetali. La prima iniziativa consiste nel proteggere certi settori, estirpando gradualmente il carpobrotus edulis per far sì che le specie adattatesi possano continuare a svilupparsi spontaneamente.

La nostra seconda iniziativa consiste a favorire la diffusione di specie adattatesi a vivere nella duna
La nostra seconda iniziativa consiste a favorire la diffusione di specie adattatesi a vivere nella duna

Le specie adattatesi a crescere in ambienti sabbiosi

La nostra seconda iniziativa consiste a favorire la diffusione di specie adattatesi a vivere nella duna. Per fare ciò, possono essere utilizzate due tecniche: la semina o la talea.

Semina di specie presenti in sito:

Le specie utilizzate sono: lotus cytysoides, anthemis maritima, crucianella maritima, e tutte le specie che crescono nei pressi della spiaggia.

Riproduzione per talea:

La riproduzione per talea è una forma di moltiplicazione vegetativa. Consiste nel prelevare una parte della pianta (talea) per poi ripiantarla. La talea sviluppa le proprie radici e cresce, dando vita ad una nuova pianta simile alla prima. Le specie utilizzate sono: medicago marina, sporobolus pungens, elytrigia juncea e achillea maritima.

Tutte queste azioni ci permettono di reimportare specie locali, adattate all'ambiente, rimpiazzando progressivamente gli esemplari di carpobrotus edulis.

Per il retroduna, privilegeremo gli alberi e gli arbusti seguenti: juniperus phoenicea, rosmarinus officinalis.

Nelle zone più colpite dall'erosione, sarà possibile trapiantare i vegetali sradicati più a rischio. Il periodo più propizio per fare ciò è l'autunno, dopo le prime piogge.

Ecoturismo significa anche...

Separateur
  • Paesaggi naturali

    La tutela degli spazi naturali è una delle priorità di Riva Bella...

  • Fauna

    La nostra fauna conta più di 70 specie selvagge...

  • Flora

    Il nostro sito naturale accoglie più di 50 specie notevoli...

  • Asinello

    Nuovi ospiti a Riva Bella

  • Le nostre azioni

    Il complesso Riva Bella contribuisce attivamente allo sviluppo del turismo responsabile...

  • Lama

    Anche i lama partecipano alla tutela dell'ecosistema...

  • Turismo responsabile

    Il turismo responsabile riguarda ciascuno di noi...

  • Geotermia

    Il complesso Riva Bella è dotato di pompe di calore geotermiche...

  • Energia solare

    Il complesso Riva Bella è dotato di pannelli solari termici...

  • Prodotti regionali

    Consumare prodotti locali contribuisce ad alimentare il turismo responsabile...

Prenotazione +33 (0)4 95 38 81 10